BIOGRAFIA:

Mario Porcu' (1917- 2001)

 

Penultimo figlio di una famiglia benestante di quella Sardegna tradizionalmente dedita all'agricoltura e all'allevamento del bestiame. Dopo la maturità classica, decide di intraprendere gli studi universitari, che la guerra subito interrompe, sottraendogli sette anni di giovinezza.
Di nuovo a casa dopo la guerra e la prigionia, ama isolarsi in montagna per lunghi periodi, forse per recuperare gli attimi di serenità persi in gioventu'.
E' in occasione di una quelle lunghe permanenze che racconta: "avevo trent'anni quando, un giorno, tornai a casa con dell'argilla nello zaino, la modellai e feci un ritratto ad una ragazzina di 12 anni, di una somiglianza sconcertante".
Inizia cosi' poco alla volta, a dedicare sempre piu' tempo, anche giornate intere alla scultura, sempre sperimentando e cercando nuovi limiti artistici da raggiungere; arriva a scolpire per due giorni consecutivi, per poi ritirarsi in montagna e cercare il meritato riposo. Espone la prima volta a Cagliari, ma, trovando pochi sbocchi, decide di lasciare la terra sarda per realizzare i suoi sogni d'artista in Liguria; e quale posto puo' essere piu' adatto di Albissola Marina, la città della ceramica che comincia, in quegli anni a farsi un nome in tutta Italia. "Faccio la valigia, prendo con me il cuscino e parto" scrive.
Resta lontano dal suo paese oltre 3 anni: "Il sardo è orgoglioso-dice- e non mi sarei mai fatto vedere se non prima di aver concluso qualcosa". Si stabilisce dal 1950 ad Albissola Marina, dove prendono vita tutte le sue opere piu' importanti, dove vive gli anni d'oro della fioritura artistica albissolese, quando il piccolo paesino del lungomare diventa la capitale dell'arte non solo italiana. La prima mostra in "terra ligure" si tiene nella saletta del Bar Testa, presentata dal suo amico Aligi Sassu.
Il suo grande studio diviene, dal quel momento, una festa di sculture. La sua arte della "natura" si mescola, nel suo fervore artistico, allo spazialismo di Lucio Fontana, alle forme di Giuseppe Capogrossi, alla tavolozza ribelle di Asger Jorn. Passano gli anni, le basette e i baffi si fanno bianchi, ma la passione per il suo lavoro, generatrice di fascino e bellezza non muta, le sue mani si fanno ruvide ma sempre piu' gentili. Solida personalità artista, possiede un'insolita finezza d'animo. Non segue le masse e non ama un'arte condizionata dalle potenti strutture del mercato; a poco a poco si allontana anche dagli avvenimenti mondani e artistici ambiti dai piu'. Segue, indipendente, le sue mete, uomo semplice e di valori autentici, vissuti sempre con coerenza, in silenziosa libertà, il pensiero costantemente rivolto alla sua amata Sardegna.

Alessandro Signori
Corso Bigliati 26 -17012-
Albissola Marina (SV)

Tel. 349 4496893
Tel. 019 489731

info@signoriarte.com

Sono felice di darvi il benvenuto sul nuovo sito web costantemente aggiornato!
Stampa Stampa | Mappa del sito
© MARIO PORCU- Non è consentita la divulgazione di immagini e contenuti soggetti a copyright.